Mattatoio n. 5 in biblioteca

324px-Kurt_Vonnegut_1972Martedì 17 luglio i membri del gruppo di lettura La Potenza dei libri si incontreranno in biblioteca per condividere le impressioni di lettura del romanzo Mattatoio n. 5, scritto da Kurt Vonnegut nel 1969.

Il libro è una testimonianza dell’autore sulla propria prigionia in Germania durante la seconda guerra mondiale e sul bombardamento di Dresda. Mattatoio n. 5 è considerato un’opera-chiave del pacifismo moderno e un racconto sul valore effimero dell’esistenza. Il sottotitolo (La crociata dei bambini) non si riferisce solo alla famosa Crociata dei Bambini del 1212, ma alla guerra stessa, in cui uomini anziani decidono di far la guerra mandando dei “bambini” a morire al posto loro. Il libro è stato candidato ai due maggiori riconoscimenti della letteratura fantascientifica, il Premio Hugo nel 1970 e il Premio Nebula nel 1969.

(it.wikipedia.org)

“È tutto accaduto, più o meno. Le parti sulla guerra, in ogni caso, sono abbastanza vere. Un tale che conoscevo fu veramente ucciso, a Dresda, per aver preso una teiera che non era sua. Un altro tizio che conoscevo minacciò veramente di far uccidere i suoi nemici personali, dopo la guerra, da killer prezzolati. E così via. Ho cambiato tutti i nomi. Io ci tornai veramente a Dresda, con i soldi della Fondazione Guggenheim (Dio la benedica), nel 1967. Somigliava molto a Dayton, nell’Ohio, ma c’erano più aree deserte che a Dayton. Nel terreno dovevano esserci tonnellate di ossa umane”.

(Kurt Vonnegut, Mattatoio n. 5 o La crociata dei bambini, trad. di Luigi Brioschi, Feltrinelli, 2005)

Immagini:

Bombardamento di Dresda, Bundesarchiv, Bild 146-1994-041-07, autore sconosciuto CC BY-SA 3.0, Wikimedia Commons

Photo of Kurt Vonnegut from an appearance on WNET-TV, pubblico dominio, Wikimedia Commons